le lenti di Gramsci

lunedì 9 settembre 2019

METAFISICA delle PAROLE


Così come per sovranismo, ora per il governo cosiddetto giallo-rosso. La metafisica delle parole al servizio della destra politica. Veicolata dai media, tenta di influenzare il senso comune per una battaglia egemonica. Di rosso questo governo non ha nulla, nulla di sovranista la destra che gli si oppone. Governo di necessità che incontra l'opportunismo, è una mistura di qualunquismo propagandistico sempre meno con effetti populisti, e di liberismo "centrista" guidato da oligarchie (con tanti epigoni  e prassi di cultura e ascendenze democristiane). Per fermare l'egemonia della destra, solo la costruzione di una forte sinistra di classe con dentro i comunisti non testimoniali e reliquiari, può essere un argine controffensivo. Con un'opposizione che riparta dalla società e diventa politica perchè necessaria.  (fe.d.)

LE MANI NELLE TASCHE, I PUGNI IN TASCA:
come lo Stato del capitale mette le mani sul capitale e mistifica la vera sinistra, quella marxista.//
- la società capitalista, la più totalitaria perché basata sulle merci-denaro-profitto-, incompatibile con la democrazia, vuole il controllo occhiuto sul reddito-salario-risparmio-consumo, e non può ammettere l’autodeterminazione della forza-lavoro e del capitale variabile. Il bello è che la mistificazione ideologica, nel senso critico che Marx dava a questo termine, arriva al punto da considerare l’”evasometro”, in vigore dal 1 settembre u.s., come una misura di sinistra. L’egemonia delle banche, gli istituti di intermediazione parassitaria D/D+1 (denaro-accumulazione di denaro tramite denaro-prestito speculativo-usuraio) e dell’Agenzia delle entrate per conto dello Stato al servizio del capitale privato (molto più cospicuo del debito pubblico), considerata di ”sinistra”!! A tal punto è arrivata la manipolazione e intossicazione del senso comune: che grida a squarciagola le ragioni di una sconfitta storica, che spetta alla sinistra di classe tesaurizzare per ripartire con una speranza rivoluzionaria. ~fe.d.



Nessun commento:

Posta un commento