le lenti di Gramsci

giovedì 29 novembre 2012

Lo Stato espropri lo stabilimento ILVA di Taranto.






COMUNICATO STAMPA



Oggetto: Lo Stato espropri lo stabilimento ILVA di Taranto.



Il Comitato Federale del PdCI jonico, riunito d’urgenza dopo l’epilogo della vicenda legata all’ILVA di Taranto ha ribadito le recenti dichiarazioni del Segretario nazionale On. Oliviero Diliberto, intervenuto a Taranto proprio per le questioni legate al lavoro nel capoluogo tarantino e non solo dell’ILVA (non dimentichiamo la gravissima situazione dei lavoratori del call center).



Pertanto il PdCI jonico è solidale con i lavoratori dell’ILVA e dell’indotto e sosterrà tutte le iniziative utili a sollecitare azioni di pressione sui centri decisori di queste delicatissime questioni che vanno affrontate con urgenza e con risoluzioni definitive nel rispetto della dignità della massa enorme di lavoratori coinvolti, colpevolmente dal gruppo Riva, che potrebbero scontare situazioni di crisi sociale.



Riteniamo che il Governo e tutte le forze politiche che lo sostengono e di opposizione determini l’esproprio per pubblica utilità dello stabilimento di Taranto; riteniamo che non è più il tempo dello scarica barile, nel senso che non tolleriamo che si scarichi la responsabilità dello status attuale alla Magistratura che invece va sostenuta e sollecitata a continuare nella sua azione.

L’esproprio è previsto anche nella nostra Costituzione proprio per tutelare i lavoratori e i cittadini in situazioni insostenibili economicamente e socialmente, vista anche l’incapacità del management ILVA, nell’ affrontare situazioni tecniche e legali e nella sostanziale ritrosia ad investire in ristrutturazione tecnica e ambientale per l’acquisizione dell’AIA.



Il PdCI jonico sarà nei prossimi giorni in piazza per affiancare la lotta dei lavoratori, per informare la popolazione e chiedere con una petizione l’intervento dello Stato, ribadiamo risolutivo, con l’appoggio della cittadinanza jonica.





TARANTO LI, 28-11-2012

Partito dei Comunisti Italiani

FEDERAZIONE PROVINCIALE

TARANTO


Nessun commento:

Posta un commento