le lenti di Gramsci

giovedì 7 novembre 2019

La doppia lente dell’internazionalismo marxista


L’internazionalismo marxista non è solo geopolitica strategica (in rapporto con l’imperialismo USA-NATO e gli imperialismi complici, concorrenti o subalterni), non è solo, sebbene fondamentali, comunanza e fratellanza con gli stati che alla prassi marxista rivoluzionaria si ispirano, ma per i comunisti è l’appoggio e il sostegno- possibili - alle lotte dei popoli per la loro autodeterminazione e per il socialismo, costruendo modelli di transizione e di edificazione diversi e plurali, basati sulla più ampia partecipazione democratica delle masse popolari. 
la doppia lente - - Consiglio la contemporanea lettura di “Sovranità” di Carlo Galli e “Laboratorio Rojava” di Knapp-Ayboga-Flach, sul nodo tematico sovranismo/indipendentismo, integrità territoriale dello stato-nazione e esperienze rivoluzionarie, /secessionismo. La lettura di classe di tutte le vicende mondiali per forgiare un nuovo internazionalismo dei proletari globali, coniugato alle sovranità nazionali, è sempre necessaria.




Nessun commento:

Posta un commento